venerdì 8 marzo 2013

Bacche di Goji: il superfrutto!!!



Ciao a tutti!!! Vi voglio assolutamente parlare oggi di un superfrutto che in pochi conoscono ma che sta spopolando pian piano così che attualmente c'è un boom di richieste. Il frutto in questione è il Goji oppure "Lycium Barbarum". La piccola bacca rossa è buona sia fresca che essiccata e contiene numerosi principi attivi preziosi, che in questa quantità non sono presenti in nessun altro genere alimentare al mondo! Ecco come si presentano (Scusate ma la confezione è un pò vuota perchè mi piacciono e quindi me li sto spazzolando ;-) quindi non fate caso alla confezione se è già mezza vuota)


La cosa migliore per rendervi conto che le bacche di Goji del NingXia hanno il 4000 percento di antiossidanti delle arance e più vitamina B di qualsiasi altro alimento, è di acquistare una confezione di bacche Goji per sperimentare in prima persona la sensazione di profondo benessere che esse donano!

Di seguito la tabella ORAC con i contenuti di antiossidanti di alcuni alimenti a confronto.

1° POSTO INDISCUSSO per le bacche Goji.
15 gr (ca. 100 bacche) al giorno sufficienti per fornire all’organismo un buon apporto di antiossidanti ed altre sostanze nutritive.

Ma cosa contengono queste bacche? Vitamina A, Vitamina B3, Vitamina B1, Vitamina C, Zeaxantina, Luteina, Calcio, Potassio, ma ecco una tabella che offre una panoramica generale delle sostanze nutritive:
(Clicca sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Le bacche Goji contengono oltre 22 polisaccaridi, 4 dei quali sono presenti soltanto nel frutto del Goji.
Gli scienziati hanno dato un loro nome a questi polissaccaridi: LBP (Lycium Barbarum Polysacharide). L'altissimo contenuto di polissaccaridi rafforza il nostro sistema immunitario e aiuta l'organismo a prevenire e contrastare le infezioni.

Fra i principi nutritivi più rilevanti delle bacche di goji figurano oltre agli antiossidanti, alle vitamine, ai sali minerali, ai carotenoidi e ai microelementi anche 18 preziosissimi amminoacidi. Tra cui 9 amminoacidi essenziali (vale a dire vitali) , senza i quali l'organismo alla lunga non riuscirebbe a soppravvivere: Histidin, Isoleuzin, Leuzin, Lysin, Methionin, Phenylalalin, Threorin, Tryptophan, Valin.
L'Histidin per esempio è un elemento essenziale nel periodo dell'adolescenza o per le persone in fase di convalescenza. Ecco la tabella:

Funzioni degli aminoacidi essenziali
Gli aminoacidi svolgono funzioni importanti per l’organismo.
La lisina ad esempio è un componente dei capelli, un precursore della vitamina B3 e PP, rientra inoltre nella composizione del collagene, un costituente di tessuti connettivi ed ossa.
L’isoleucina contribuisce invece alla formazione dell’emoglobina, la metionina  acidifica le urine combattendo l’azione dei batteri, il trptofano è un precursore del neurotrasmettitore serotonina, la valina nutre insieme alla leucina e all’isoleucina i muscoli, la leucina è essenziale per la costituzione dei tessuti muscolari e per i processi di rigenerazione.



Le Bacche di Goji: una fonte di eterna giovinezza
Da millenni ormai in Oriente le bacche di goji vengono considerate una vera e propria fonte di eterna giovinezza.
Studi recenti hanno affrontato questo argomento mostrandone il fondamento scientifico.
Sono due i processi alla base dell’invecchiamento delle cellule del corpo umano:
Da un lato l’azione dei radicali liberi, dall’altro la cosiddetta glicazione.

La glicazione fa invecchiare le cellule
Mentre i radicali liberi sono molto noti, meno conosciuto è questo secondo processo. La glicazione è un meccanismo per il quale le molecole di zuccheri meno complessi come il glucosio o il fruttosio si legano alle proteine. 
La glicazione può avvenire spontaneamente tanto nel sangue quanto all’interno dei tessuti e dipende direttamente dalla quantità di zuccheri presenti negli stessi. In altri termini: quanto più zucchero è presente nel sangue o in un tessuto tanto più è probabile l’ insorgere di questo meccanismo. 
La trasformazione subita dai tessuti in seguito al legamento delle molecole compromette il funzionamento delle proteine che non riescono più ad assolvere le loro funzioni. Di conseguenza le cellule invecchiano apportando danni ad organi e tessuti. I radicali liberi aggravano questo processo e a loro volta sono responsabili dell’invecchiamento cellulare.

In che modo le bacche di goji possono aiutare a contrastare questi due meccanismi?
Le bacche di Goji possiedono un potenziale antiossidante pressoché unico in un alimento. Il Test ORAC (Oxigen Radical Absorbancy Capacity) dimostra come le bacche di goji siano in grado bloccare l’azione dei radicali liberi. Altri studi hanno assodato che le bacche di Goji sono in grado di ridurre il processo di glicazione nelle proteine.
Una serie di test hanno inoltre provato che le bacche di goji aumentano la presenza di superossido dismutasi (SOD), un enzima antiossidante che ha un legame diretto con la speranza di vita. Tanto maggiore è la sua presenza tanto più lunga è la speranza di vita di un essere umano. In un test con 50 probandi di un’età compresa fra i 64 e gli 80 anni è stato osservato come l’assunzione giornaliera di 50 gr. di bacche essiccate per un periodo di 10 giorni abbia portato ad un aumento del 50% del SOD.

Quindi riassumendo:
Le bacche di Goji, apprezzate già da millenni in Cina come le bacche della felicità o i frutti della vita e della longevità, non a caso meritano questi epiteti:
sono il più potente antiossidante esistente in natura, combattono i radicali liberi e l'invecchiamento cellulare come nessun alimento sa fare.

Sono una preziosissima fonte di vitamine come vitamina C, B1, B2, B3 e B8, contengono più beta carotene delle carote, più calcio dei broccoli e più ferro degli spinaci, vi si trovano 11 amminoacidi essenziali e 22 polisaccaridi, di cui 4 unici in natura..e ancora ferro, zinco, fosforo, magnesio e potassio. Questa straordinaria combinazione di sostanze benefiche le rende un toccasana per la salute sotto molti aspetti:

proteggono la vista e fegato, aiutano a prevenire malattie cardiovascolari e l'insorgere di tumori, svolgono una potente azione anti-età, rinforzano le difese dell'organismo e infondono energia e un senso di benessere generale a chi le consuma.




Non voglio dilungarmi moltissimo, perchè ci sta veramente molto da dire su queste bacche di Goji e sono felice di averle scoperte!
Vi lascio il link per andare sul sito e leggere tutte le altre informazioni su questo frutto (fegato, cuore, pelle, diabete, antinfiammatorie,ecc.).
Seguendo questo link, oltre a tutte le informazioni su questo frutto, troverete i contatti per porre le vostre domande e soprattutto troverete la sezione per ordinare le bacche di Goji!



Consigli su come consumare le bacche Goji.
Con il loro gusto non eccessivamente dolce, il retrogusto amarognolo e il profumo di frutti rossi, le bacche di goji si sposano bene sia con il dolce che con il salato trasformandosi in un ingrediente molto versatile che può donare una nota particolare ad antipasti, primi, secondi e dessert.

Si possono aggiungere ad esempio ad insalate o a piatti a base di carne e pesce ed essere sostituite all’uvetta o ad altri frutti rossi in molti dolci prestandosi bene ad arricchire anche quelli tradizionali dai semifreddi estivi ai dolci natalizi. 

Si possono anche utilizzare per preparare bevande calde o fredde ed essere lavorate per realizzare composte o marmellate.

La creatività insieme alle bacche di goji premia la salute ma anche il palato!

In che momento della giornata andrebbero consumate?
Si possono consumare in qualsiasi momento della giornata aggiungendole ad esempio ai cereali della colazione, ma anche come spuntino a metà mattinata o al pomeriggio e anche di  sera. Se state seguendo delle diete potete consumarle tra i pasti. Le bacche di goji possiedono infatti un basso indice glicemico ed infondono per questo una sensazione di sazietà che perdura nel tempo. Sono un alimento sano e leggero che può pertanto aiutare chi segue delle diete a superare bene gli intervalli fra i pasti.

Come si mangiano?
Le bacche di goji possono essere consumate secche ma anche essere reidratate, ad esempio immergendole in acqua o latte per 10 minuti, nello yoghurt (15 minuti) ed essere utilizzate come supplemento per tè o tisane. 
Sono ottime anche come base per un infuso. Versare un paio di cucchiaini di bacche in una tazza e lasciare in infuso con acqua bollente per 8-10 minuti dolcificando poi a piacimento con zucchero o miele. 





20 commenti:

  1. Ne sento parlare moltissimo:) Devo provarle baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sono piaciute moltissimo e poi hanno tante di quelle proprietà che è un peccato perdersele!!!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Anche io non le conoscevo prima ^_^

      Elimina
  3. interessante non ne avevo mai sentito parlare..devo provarle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gusto a me è piaciuto ^_^
      poi fa così bene!!!

      Elimina
  4. Mi hai incuriosito moltissimo!!!Poi adoro la frutta secca!!! Ti seguo cara^^ se ti va passa da me =D bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere ^_^ si passo subito!

      Elimina
  5. non sapevo della loro esistenza, ottimi pieni di vitamine.
    Li voglio provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vitamine e non solo, sono davvero molto ricchi!!!

      Elimina
  6. Io le conoscevo ma solo attraverso il web :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace non averlo conosciuto prima io :-D

      Elimina
  7. È un po' che desidero provarle. Ciao grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buone, almeno per i miei gusti ;-)
      e per fortuna, perchè fanno tanto bene al corpo!

      Elimina
  8. Risposte
    1. Ne vale assolutamente la pena :-)

      Elimina
  9. della loro importanza ne ho sempre sentito parlare, però non credo siano facilmente reperibili..andrò a dare un'occhiata al sito:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sono facilmente reperibili infatti. Ma sul sito si possono acquistare facilmente!

      Elimina
  10. Adoro la frutta secca! devo cercare questa confezione in giro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere che tu la trovi in giro, ma non è facile. Ti consiglio di andare direttamente sul sito ;-)

      Elimina

Ti potrebbero anche interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...